BlogBuon Primo maggio!

30 Aprile 2024
primomaggio_interna

Sarà la prima festa dei lavoratori in cui è in vigore l’obbligo previsto dalla normativa Whistleblowing

La festa del 1° maggio, oltre ad essere una giornata di riposo, è soprattutto un momento di riflessione in cui al centro del dibattito pubblico ci sono i diritti dei lavoratori.
Festa celebrata, non solo in Italia, ma in molti Paesi del mondo per ricordare tutte le lotte per i diritti dei lavoratori, in primis la riduzione della giornata lavorativa a 8 ore.
L’episodio che ha ispirato la data nella quale si celebra la Festa del lavoro avvenne a Chicago (Stati Uniti) il 1° maggio del 1886. Quel giorno fu indetto uno sciopero generale in tutti gli Stati Uniti con il quale gli operai rivendicarono migliori e più umane condizioni di lavoro. La protesta andò avanti per tre giorni e il 4 maggio culminò con la morte di 11 persone.

Il Primo maggio oggi
In un’epoca in cui le sfide legate al lavoro e alla disuguaglianza persistono, inclusa quella relativa all’impatto dell’Intelligenza Artificiale, questa data rimane un simbolo di speranza e di impegno per un futuro migliore per tutti i lavoratori.
Nel corso degli anni sono state tante le conquiste dei lavoratori. Tra queste c’è quella riveniente dal Decreto Legislativo n. 24 del 10 marzo 2023 in attuazione della Direttiva UE 2019/1937 (Direttiva Whistleblowing).

Obbligo di legge a partire dal 17 dicembre 2023
Con l’introduzione del Decreto legislativo n.24/2023 l’Italia ha compiuto un importante passo avanti nel rafforzamento delle tutele dei lavoratori che segnalano violazioni di disposizioni normative o condotte lesive avvenute sul luogo di lavoro.

La promozione di una cultura organizzativa favorevole al Whistleblowing incoraggia i dipendenti a segnalare tempestivamente irregolarità, comportamenti illegali o non conformi alle normative o agli standard etici. Questo permette di identificare e affrontare le problematiche prima che possano causare gravi danni all’organizzazione.

Il Whistleblowing fornisce un importante strumento di prevenzione dei rischi riducendo così il rischio di danni reputazionali, legali o finanziari per l’azienda. I dipendenti sono incoraggiati a comportarsi in modo etico e a rispettare le normative e le politiche aziendali. Questo contribuisce a creare un ambiente di lavoro sano, in cui i valori etici sono al centro delle decisioni e delle azioni.

Un’impresa “a norma Whistleblowing” crea un clima di fiducia e apertura tra i dipendenti e l’azienda. Sapere che le segnalazioni di illeciti o comportamenti scorretti sono prese sul serio e trattate in modo confidenziale incoraggia i dipendenti a parlare apertamente senza timore di ritorsioni.

Una cultura organizzativa che valorizza il Whistleblowing favorisce il miglioramento continuo, consentendo all’organizzazione di identificare e affrontare i problemi di conformità normativa, migliorare la gestione dei rischi e adottare misure correttive tempestive. Inoltre promuove l’innovazione e la responsabilità. I dipendenti sono incoraggiati a esprimere le proprie idee, suggerimenti e preoccupazioni, sapendo che saranno ascoltati e che la loro voce avrà un impatto significativo sull’organizzazione. Ciò stimola un ambiente di lavoro collaborativo e responsabile, in cui l’innovazione e il progresso sono incoraggiati.

Come adeguarsi all’obbligo normativo
Lo scorso 9 marzo 2023 l’Italia ha recepito la Direttiva UE 2019/1937 sul Whistleblowing nel proprio ordinamento, riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione. Dal 17 dicembre 2023 è scattato l’obbligo per tutte le aziende pubbliche e private con più di 50 dipendenti di adeguarsi alla normativa se non vogliono incorrere in sanzioni amministrative pesanti.

La nostra soluzione garantisce il trattamento delle segnalazione di illeciti in piena conformità con il d. lgs. 24/2023; assicura il massimo livello di riservatezza per il segnalante e la massima personalizzazione della piattaforma.

Il nostro Whistleblowing Software offre la funzionalità di notifica per aggiornare gli informatori sullo stato delle loro segnalazioni e permette alle imprese di configurare flussi di lavoro personalizzati.

In Cloud, al sicuro nei datacenter Exasys oppure nel CED aziendale On-premises. La piattaforma è anche disponibile mediante accesso diretto su dominio web aziendale.

La tua azienda si è adeguata?
Sei a rischio sanzioni? Richiedi una prova gratuita della nostra soluzione senza impegno.